C’era una volta Pinocchio

Vivere in un altro Paese, anche solo per qualche mese, ti fa riflettere. Conquisti una prospettiva diversa, forse un maggiore senso critico, sicuramente non mancano le occasioni di confronto. Ti accorgi di come tutti conoscano l’Italia per la pizza, gli spaghetti bolognaise e il buon vino. Amano l’arte, la musica e il mare del bel paese. Un’amica orientale mi ha chiesto di Pinocchio. Qualcuno c’è stato in vacanza, è rimasto perplesso per la scarsa informatizzazione e il non uso dell’inglese, ma si è goduto Roma, Venezia e Firenze. Ci sono però altre cose che molti sembrano conoscere: si chiamano mafia, conflitto d’interessi, debito pubblico, politici all’italiana. La sensazione è che ci fosse più informazione al di là delle Alpi su certi temi; o forse nell’amata penisola ci si è abituati, pian piano, a un’idea di “normalità” che per gli altri stati europei tanto normale non è. Entrambe le cose, secondo me.

Ho deciso di iniziare questo blog perchè credo fermamente che ora come non mai ogni luogo di confronto ed infomazione sia utile, fecondo e bello. Sono convinta che le parole abbiano uno straordinario potere, ma è un potere al quale non bisogna arrendersi, bensì uno strumento del quale fare uso in maniera costruttiva.

Per non mettere le orecchie da ciuchini nel bel Paese dei Balocchi…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: