La banalità del male

Pubblicato 17 maggio 2008 di paroleturchine
Categorie: informazione

Tags: , , ,

Mi sono guardata la puntata di Annozero del 15 maggio, ho dato un’occhiata alle maggiori testate on-line, mi ha colto una profonda tristezza. Per stasera, solo qualche suggerimento:

– sulla cd. Bossi-Fini: questo.

– su quanto accade attorno a noi: questo, questo e questo.

Solo una considerazione sulla puntata di Annozero: non credete che un ex-ministro della Giustizia dovrebbe essere minimamente ferrato in materia di diritto? Se non avesse fatto la riforma dell’ordinamento giudiziario lo troverei un divertente paradosso…

Buonanotte.

Annunci

Aspettando la penicillina

Pubblicato 15 maggio 2008 di paroleturchine
Categorie: informazione

Tags: , , ,

Come ci vedono: così.

Non parlerei del “caso Travaglio” ( e delle polemiche che ne sono seguite ) se non fosse che il fatto in questione è praticamente sparito da tutte le maggiori testate, come fosse un qualunque pettegolezzo (ma in fondo proprio così lo aveva definito l’On. Violante…). Il problema è di fondo: non di “caso Travaglio”, bensì di “caso Schifani” si sarebbe dovuto parlare. Un giornalista, costretto a vivere sotto scorta perchè minacciato di morte dalla mafia, scrive un libro in cui tratta dei rapporti tra mafia e politica; in questo libro emerge il nome del signor Schifani, la seconda carica dello Stato. Questa notizia ( non certo un mistero, è pure su Wikipedia ) non trova spazio nella tv e nei giornali, nessuno se ne occupa, ma basta che un altro giornalista ne parli in un popolare programma televisivo e lo scandalo è creato. La cosa buffa è che il processo mediatico non si fa al signor Schifani, e nemmeno ai gravi fatti che lo riguardano, bensì a chi li ha raccontati ( con tanto di citazione ). Credo sia normale voler avere un Presidente del Senato con un pedigree un po’ più candido. Mi domando se chi col suo voto ha contribuito a creare questa nuova anomalia italiana ne senta un po’ la responsabilità morale. Augurandomi una risposta affermativa in un’iperbole di ottimismo, consiglio questo bell’ editoriale.

Segnalazione: per chi avesse un po’ di tempo, consiglio questo documentario che, parlando della gestione della sanità in Sicilia, traccia un chiaro quadro dei rapporti mafia/politica.

Suggerisco anche questo breve intervento di Borsellino, la migliore risposta alle polemiche dei giorni scorsi.

L’anestesia Maroni

Pubblicato 12 maggio 2008 di paroleturchine
Categorie: diritto penale

Tags: , ,

Per chi viaggia in direzione ostinata e contraria.

(Aggiungo questa segnalazione: ritorsioni contro i Rom a Napoli. Non è certo la prima volta che accadono cose simili, temo non sarà l’ultima. Spero che gli italiani che si stanno macchiando di questi reati vengano puniti. Così come venga punita la giovane romena che ha tentato il sequestro ovviamente. Il concetto è semplice: commetti un illecito, vieni processato, segue la punizione. Non puoi essere punito a priori da chi si autoelegge giustiziere solo perchè sei di un’altra nazionalità. Questo non solo è illegale, ma è immorale e stupido.)

Stavo per iniziare a scrivere di tutt’altro quando mi sono resa conto che con una pagliuzza nell’occhio non stavo dando il peso dovuto a due travi. Questa è la prima. La Lega Nord ha preso determinati impegni con gli elettori, centrando una grandissima parte della sua campagna elettorale sulla “sicurezza“. E’ stata proposta una “cura Maroni” di cui si sente parlare ( anche qua ) in questi ultimi giorni. Se ne parla in maniera insufficiente secondo me, perchè un provvedimento come quello ipotizzato è una perfetta cartina tornasole di quello che accade in un Paese. Il mio giudizio personale su una simile malsana idea è impietoso: mi sembra tristemente populista, inefficace dal punto di vista giuridico e orribile dal punto di vista umano. Non mi piace neppure l’ipotesi di utilizzare un decreto legge specie se, come sembra trasparire da alcune fonti, allo studio ci sarebbe anche un piano per l’innalzamento dei limiti edittali per reati come il furto e la rapina. Comunque…questo è un parere molto più autorevole, e questa è un’autorevole quanto bella riflessione. Propongo anche una testimonianza e poi… questo.

Buona lettura.

Annozero

Pubblicato 6 maggio 2008 di paroleturchine
Categorie: informazione

Tags: , , , , ,

Segnalazione: Una settimana dopo…

Ero molto indecisa se scrivere o no questo post, perchè non sono sicura che verrà preso, come vorrei, in maniera costruttiva. Io ci provo.

Molte delle persone a cui sto pensando mentre scrivo non guardano Annozero, il programma condotto da Santoro, ritenendolo, acriticamente, fazioso. Molti considerano esagerati coloro che sono preoccupati per un sempre più probabile ritiro della trasmissione dai palinsesti, o più semplicemente non se ne curano. La puntata del Primo Maggio è stata al centro di accesi dibattiti nel mondo della rete durante la diretta, e sulla carta stampata e in televisione il giorno seguente. Le polemiche di questi ultimi due media sono state focalizzate su alcuni passaggi del discorso che Grillo (personaggio al quale a mio parere bisognerebbe riconoscere i meriti, ma anche criticarne i limiti) ha tenuto a Torino e che sono stati riportati durante il programma. Ecco un esempio tratto dalla Repubblica.

Anche io, come Petruccioli (vedi link sopra) ho trovato vergognosa quella puntata. Ma per tutt’altri motivi. Dopo averla vista quasi integralmente su you tube, ho voluto riguardarla ieri sera “a freddo”, in compagnia di A. (che ringrazio per i contributi e le riflessioni) e di una specie di pizza all’ananas. Se avete un po’ di tempo, ecco la scena del crimine. Il mio consiglio è di guardarla, ascoltando con attenzione: è un buon esercizio, specialmente se la guardate con qualcun’altro.

Questi, in ordine di apparizione, sono alcuni spunti:

  • Croce celtica (la parte riguardo al simbolismo politico), simbolo neofascista di cui parlano alcuni ragazzi romani.
  • L’ “omicidio di Beppe Grillo” di cui parla Sgarbi è un omicidio colposo in seguito ad un’incidente stradale: l’auto di cui era alla guida finì in un burrone e gli altri passeggeri, due adulti e un bambino, morirono ( fonte ).
  • Dopo la recita della lettera dedicata alle morti sul lavoro, Sgarbi attacca Grillo per l’elevato reddito dichiarato dal blogger. A me sembra che l’urlata polemica manchi di ogni logica e di ogni forza argomentativa. L’importante è che Grillo quei redditi li abbia dichiarati, e che ci paghi le tasse! O no? Che ne pensate?
  • Viene richiamata la Legge 30/2003 ( ecco il decreto legislativo d’attuazione ). Questo è un breve commento che secondo me, senza addentrarsi in tecnicismi, rende bene l’idea. Sospiro ripensando all’esame di diritto del lavoro… non posso non trovare offensive al buon senso le parole di Sgarbi: il precariato è una tragedia, una brutta cosa, di quelle da non augurare a nessuno. Aggiungo, visto che nelle fonti si nominava la normativa comunitaria, che quello a cui si tende per superare obiettivi problemi economici non è il precariato, ma la cd. “flexicurity”.
  • Si parla tanto di Costituzione… eccola! Leggetevi almeno la prima parte
  • Il cuore delle polemiche: Umberto Veronesi. Non mi è piaciuto il modo in cui lo ha appellato Grillo, per niente. I dati che porta fanno comunque riflettere, ma non è la mia materia… Non mi sembra comunque quello del blogger il linguaggio più colorito.
  • Diffamazione.
  • I riferimenti di Sgarbi a Praga e a Varsavia immagino siano alla Primavera di Praga e alla Rivoluzione UNGHERESE del 1956.
  • “Gli Americani hanno liberato l’Italia” è un’affermazione vera, ma incompleta.
  • Ho controllato ovunque: Enzo Biagi non ha scritto un libro su Romiti. Ma è stato cacciato dalla Rai. Di questo spero abbiate ancora memoria. Quello che vivamente consiglio è questa breve intervista alla figlia.
  • Giovannino Guareschi.
  • Vorrei sottolineare il “dialogo” tra Sgarbi e Norma Rangeri verso metà trasmissione sul tema “sicurezza”.
  • Sulla sentenza dell’ European Court of Justice spero di tornare a breve in un altro post, che ci son novità recenti. Comunque quello che dice Travaglio sull’argomento è sacrosanto.
  • “Il Giornale” prende finanziamenti: da quanto ho capito sono però di tipo indiretto, cioè sono finanziati gli allegati. Le fonti che ho trovato non sono però particolarmente chiare…
  • La condanna di Travaglio, in primo grado, è al risarcimento di 10.000 euro a Confalonieri e Mediaset per due frasi ritenute diffamatorie. Travaglio ha dichiarato di volere impugnare la sentenza, che è scaricabile da qui.
  • Il riferimento alla Pupa e al Secchione, perla di italica cultura, è per questo.
  • Per De Magistris ci sono tante cose da dire, qua c’è un elenco dei fatti che mi sembra molto chiaro (da ascoltare tutto però!).

Scusate ma non resisto…. per riderci un po’ su.

Confessione dei redditi

Pubblicato 5 maggio 2008 di paroleturchine
Categorie: trasparenza

Tags: , ,

La dichiarazione dei redditi è un atto obbligatorio con cui i cittadini comunicano al fisco il loro reddito imponibile e l’imposta relativa da pagare. Nei giorni scorsi sono stati pubblicati dall’Agenzia delle Entrate i dati relativi ai redditi del 2005, la qual cosa ha sollevato un polverone. A tal proposito vorrei suggerire due articoli apparsi sul Corriere: questo riguardo alla situazione in altri ordinamenti, e quest’altro per pensarci un po’ su.

Tuttavia è un’altra la cosa sulla quale voglio richiamare l’attenzione: ogni cittadino che presenta la dichiarazione dei redditi può scegliere dove destinare l’ otto per mille con un meccanismo che però è molto discutibile. Questo breve video può forse aiutare a chiarire le idee…

Una scorta per l’informazione

Pubblicato 3 maggio 2008 di paroleturchine
Categorie: informazione

Tags: ,

Il 3 maggio è la Giornata Internazionale per la Libertà di Stampa. Dopo aver letto un’ articolo su Repubblica questa mattina mi è sembrato giusto suggerire degli spunti di riflessione sull’argomento ( ecco la fonte, i dati citati nell’articolo precedente sono alla voce Draft Reports ). Questa volta però non voglio soffermarmi sul problema del conflitto d interessi, ma ricordare come anche nel nostro Paese non solo l’autonomia ma anche la sicurezza di chi cerca di fare un giornalismo di qualità non siano cosa scontata. Purtroppo mi torna in mente la scena grottesca di appena dopo le elezioni, quella del mitra mimato con le mani dal premier in pectore e rivolto contro una giornalista russa. Per quanto l’atteggiamento potesse essere scherzoso, mi sembra quanto meno estremamente discutibile. Trovo ironico che chi dovrebbe rappresentare l’Italia che emerge dai documenti che ho linkato qua sopra abbia proprio scelto (simbolicamente??) l’amicizia di chi non è certo famoso per essere una stella lucente della democrazia e la vicinanza con uno stato in cui la situazione relativa alla libertà di stampa viene considerata “situazione difficile”.

Un piccolo gesto di solidarietà per i giornalisti che rischiano ancora.

conflitto anomalo

Pubblicato 23 aprile 2008 di paroleturchine
Categorie: informazione

Tags: ,

Immaginate di essere contemporaneamente il ministro della Sanità e il titolare di una casa farmaceutica. O di essere un imputato, ma il giudice è vostro zio. Meglio ancora, siete il titolare di un’impresa edile, e allo stesso tempo fate parte della commissione aggiudicatrice di un determinato appalto per il quale siete in gara. Un sogno per voi, ma un incubo per i principi di trasparenza, correttezza, lealtà, legalità, imparzialità.. e per il resto della società, in quanto le decisioni rispettivamente del ministro, del giudice e della commissione non sarebbero orientate (solo) al benessere dei più ma risuterebbero volte (solo o anche, a seconda della situazione) al conseguimento di un vantaggio personale. E’ questo il cosiddetto conflitto di interessi. Il caso più famoso (ma certamente non l’unico) di tale bizzarra ubiquità affaristica è considerato nel panorama internazionale e in Europa un’anomalia tutta italiana incompatibile con la democrazia (pagina 4…), in Italia un’anomalia irrilevante, sciocco argomento di polemica politica. Un’ anomalia, a mio avviso il cancro del Paese, che non è ancora riuscita a trovare una risposta legislativa seria a differenza di quanto è stato fatto altrove. Intanto, si continuano a contare i danni…

Segnalazioni:

Intervento di M.Travaglio ad Annozero del 24 aprile 2008.