Posted tagged ‘libertà di stampa’

Fiat lux

20 giugno 2008

Dal caos mediatico sorto attorno alla cosiddetta norma salvapremier, cioè l’emendamento inserito all’interno del famigerato decreto sicurezza che sospende per un anno i processi per i reati commessi entro il 30 giugno 2002, è facile uscire confusi: a chi parla di norma “salva-tutti” risponde un coro di voci contrarie ( dall’estero, dall’Italia, da chi di queste cose ci capisce qualcosa, persino dall’opposizione! ). Per fare un po’ di luce, consiglio la lettura di queste brevi ma importanti riflessioni.

La nebbia in val padana continua a offuscare le menti di chi davvero crede che il ddl sulle intercettazioni serva a qualcosa. Forse a costoro farebbe bene leggere qualche dato, così da capire qualcuna delle preoccupazioni che stanno attanagliando giuristi e cronisti.

The fruits of office.

Annunci

Oltre il baratro

17 giugno 2008

Dall’estero… (aggiungo questo )

Il limite è stato superato, ecco la vera emergenza dell’Italia, quella democratica.

Suggerimenti: questo articolo, quest’altro e questo video.

FREE ITALY

Aggiungo quest’intervista, che consiglio di leggere con attenzione.

Una scorta per l’informazione

3 maggio 2008

Il 3 maggio è la Giornata Internazionale per la Libertà di Stampa. Dopo aver letto un’ articolo su Repubblica questa mattina mi è sembrato giusto suggerire degli spunti di riflessione sull’argomento ( ecco la fonte, i dati citati nell’articolo precedente sono alla voce Draft Reports ). Questa volta però non voglio soffermarmi sul problema del conflitto d interessi, ma ricordare come anche nel nostro Paese non solo l’autonomia ma anche la sicurezza di chi cerca di fare un giornalismo di qualità non siano cosa scontata. Purtroppo mi torna in mente la scena grottesca di appena dopo le elezioni, quella del mitra mimato con le mani dal premier in pectore e rivolto contro una giornalista russa. Per quanto l’atteggiamento potesse essere scherzoso, mi sembra quanto meno estremamente discutibile. Trovo ironico che chi dovrebbe rappresentare l’Italia che emerge dai documenti che ho linkato qua sopra abbia proprio scelto (simbolicamente??) l’amicizia di chi non è certo famoso per essere una stella lucente della democrazia e la vicinanza con uno stato in cui la situazione relativa alla libertà di stampa viene considerata “situazione difficile”.

Un piccolo gesto di solidarietà per i giornalisti che rischiano ancora.